Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sezioni

20 anni di “Città Alpina dell’anno”

QUANDO UN CLICHÉ ROMANTICO SI TRADUCE IN PROGETTI TRANSNAZIONALI ECOLOGICO-ECONOMICI PROIETTATI VERSO IL FUTURO…

Gli anniversari sono occasione di uno sguardo retrospettivo. L’associazione “Città Alpina dell’anno” celebra quest’anno il suo ventesimo compleanno. In effetti 20 anni sono un’età in cui ci si è lasciati alle spalle l’infanzia e l’adolescenza per procedere gradualmente verso la maggiore età. Anche le reti alpine, sorte negli anni ‘90 con lo scopo di proteggere le Alpi e rafforzare la consapevolezza e il gusto per la vita nei comuni e nelle città alpine, si lasciano alle spalle gli anni giovanili. 

Dopo la sottoscrizione della “Convenzione per la protezione delle Alpi” da parte degli Stati alpini nel 1991, sono germogliate molte idee. Due di esse si sono affermate diventando l’associazione “Città Alpina dell’anno” e la Rete di comuni “Alleanza nelle Alpi”. Entrambe hanno visto la luce nel 1997. All’epoca l’idea originaria di promuovere la sostenibilità, di collegare ecologia ed economia, era ancora per molti un terreno inesplorato. Oggi praticamente ogni azienda, ogni regione o iniziativa si fregia del pensiero ecologico. Per alcuni tuttavia questa simbiosi assume un’importanza di ben più vasta portata: tra questi alcune città alpine che si danno vicendevolmente manforte aderendo all’associazione “Città Alpina dell’anno”.

 

Tutto ha avuto inizio a Villach

La proposta di assegnare a una città il titolo di “Città Alpina dell’anno” nasce in realtà proprio dal desiderio partito dalla città austriaca di Villach (Carinzia/A). In seguito, nel 1997, Villach è stata eletta “Città Alpina dell’anno” per due anni. In quel periodo la città ha installato i primi pannelli solari nell’ambito di un progetto per i giovani e, grazie al riconoscimento che ne conseguì, ha istituito il Parco naturale di Dobratsch. 

Andreas Weissen, presidente dell’associazione dal 1995 al 2004, e Norbert Weixlbaumer (Università di Vienna), presidente attualmente in carica, sono del parere che “dipende tutto dalla città: può sfruttare il riconoscimento come innesco e punto di partenza oppure consumarlo come un effimero fuoco di paglia”. Successivamente il titolo è stato assegnato annualmente a diverse città, da Maribor (Slovenia), a Sonthofen (Germania) fino a Chamonix (Francia) e a molte altre. Oggi le città che possono fregiarsi di questo riconoscimento sono già 19. La candidatura per il titolo puó essere presentate da ogni città dello spazio alpino che sia capace di dimostrare con i fatti che ecologia ed economia non sono realtà antitetiche, ma che sono in grado di integrarsi in una prospettiva proiettata verso il futuro.

Tolmezzo_© Comune di Tolmezzo

Tolmezzo è il membro più giovane all’interno delle Città alpine dell’anno. © Comune di Tolmezzo

 

Superare i confini nazionali

Fucina di idee, think-tanks, iniziative ma anche feste, sono tutti elementi che caratterizzano il lavoro dell’operosa associazione. La collaborazione è l’azione che fa scattare la scintilla, gli attori ne sono perfettamente consapevoli. La sede operativa dell’associazione “Città Alpina dell’anno”3 è situata a Schaan, in Liechtenstein, la sede ufficiale è a Bad Reichenhall, in Baviera. Lo stretto rapporto con la CIPRA Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi caratterizza anche le attività dell’associazione. Numerosi progetti “Questa stretta collaborazione tra attori e piattaforme è molto produttiva in termini di contenuti, poiché tutti noi perseguiamo gli stessi obiettivi anche se con diversi approcci”, sottolinea Claire Simon, direttrice dell’associazione “Città Alpina dell’anno”. “La rete consente di realizzare vari progetti e promuove una cultura della sostenibilità”, dichiara Thierry Billet, attuale presidente dell’associazione e Vicepresidente del Grand Annecy per il clima, l’aria e l’energia.

Vorstand

Il Comitato direttivo dell'Associazione "Città alpine dell'anno": Bojan Sever, sindaco della Città alpina Idrija (Slovenia), Ingrid Fischer, 3° vicesindaco della Città alpina Sonthofen (Germania) e il presidente Thierry Billet, vicepresidente clima, aria, energia del Grand Annecy (Francia). © Città Alpina dell'anno

 

I giovani al centro dell’attenzione

Le città dello spazio alpino sono prevalentemente di media grandezza, hanno un certo charme e hanno mantenuto almeno parzialmente il loro carattere rurale. Le città alpine si estendono sul 40% del territorio alpino, ma ben il 65% della popolazione alpina vive in queste aree urbane. Esse rappresentano i centri culturali, sociali ed economici delle regioni alpine.

Una sfida importante consiste nel trattenere gli abitanti nella regione, in particolare i giovani e il personale qualificato. Occorre mettere in evidenza e rendere appetibili i vantaggi e le opportunità di uno stile di vita delle regioni alpine e offrire standard di vita attraenti. Ad esempio: il progetto internazionale per i giovani GaYA (Governance und Youth in the Alps) attualmente in corso si propone di coinvolgere maggiormente i giovani nella vita politica. La “Città Alpina dell’anno” è un importante partner del progetto con un collegamento diretto  con la società civile nelle città, con i gruppi di giovani e con gli attori politici a livello locale. 

Semaine durable

Fare sentire la voce dei giovani cittadini e integrarli nelle decisioni politiche è una preoccupazione centrale per le Città alpine dell’anno. © Comune di Annecy


Unire economia ed ecologia

Un’altra priorità dell’associazione è la gestione sostenibile delle aree abbandonate e delle aree di riconversione, come ad esempio caserme o aree industriali dismesse, che devono essere restituite a nuove forme di utilizzo. Inoltre l’associazione si occupa di promuovere un’economia verde nelle città alpine, della biodiversità e della qualità dell’aria nelle aree urbane. Quest’ultimo aspetto è attualmente oggetto di un lavoro di ricerca .

Il radicamento della sostenibilità nelle città alpine è un processo costante che richiede azioni nei più svariati settori. Da un po` di tempo  è sorta un’ampia rete nell’ambito della quale si pratica lo scambio di buone pratiche e idee Al cospetto di un riscaldamento climatico globale che si fa sempre maggiormente sentire, le Città Alpine fanno la loro parte per contenere le cause e gli effetti.

 

Pensare globalmente – agire localmente

Recenti ricerche sociali, diversi attori e organi politici, così come il Comitato direttivo dell’associazione e i decisori a livello locale sono concordi: tutte le grandi trasformazioni iniziano nel nucleo, nella cellula più piccola della società: la famiglia, nei comuni, nelle città e nelle regioni a livello locale. Parole, programmi e progetti su vasta scala implodono e restano senza effetto, se non si adottano misure dirette e non si crea la necessaria consapevolezza in loco. 

 

Migliorare la messa a fuoco 

Imparare gli uni dagli altri, guardare al futuro, produrre idee, creare occasioni di incontro. Queste sono solo alcune delle caratteristiche e degli obiettivi che definiscono l’attività della rete nel suo complesso. Nell’anno dell’anniversario si procederà a definire meglio la messa a fuoco e il profilo pubblico: si rafforzerà l’immagine delle città alpine come associazione forte, l’orientamento ai giovani e la collaborazione tra le città alpine. Le città alpine della rete devono diventare ancora più attive e consapevoli del loro importante ruolo di “Local-Global-Player”. 

 

Celebrazione dell’anniversario a novembre a Villach: progetti, persone, amicizie

Il ventennale della “Città Alpina dell’anno” sarà festeggiato quest’anno a novembre a Villach, la prima città insignita del titolo. L’orgoglioso motto “Urban passion for the Alps” plasma il convegno e le celebrazioni. Durante tutto il 2017 si sono svolte e si svolgeranno manifestazioni per celebrare l’anniversario nelle singole città alpine. Tolmezzo, ad esempio, ha indetto il primo concorso dei mieli di montagna delle città alpine, mentre Idrija ha presentato i menu delle città alpine e li ha proposti in degustazione. L’organizzazione è in movimento e in costante crescita. Come si addice appunto ai giovani adulti – con uno sguardo lungimirante rivolto al futuro.

Panorama VillachL’anniversario sarà festeggiato a Villach, la città che nel 1997 è diventata la prima Città alpina dell’anno. © Agencia turistico di Villach

Gap Chambéry Brig-Glis Sondrio Sonthofen Herisau Trento Bolzano Bad Reichenhall Bad Aussee Belluno Villach Maribor Idrija Annecy Lecco Chamonix Tolmin Tolmezzo karte_alpen.png

 

 

 

 
Strumenti personali